fbpx

Situata al largo della costa del Queensland, nell’Australia nord-orientale, la Grande barriera corallina è il più grande organismo vivente sulla Terra, visibile anche dallo spazio. L’ecosistema raggiunge i 2300 km di lunghezza e comprende migliaia di barriere coralline e centinaia di isole con oltre 600 tipi di coralli, duri e molli. La barriera ospita innumerevoli specie di pesci colorati, molluschi e stelle marine, oltre a tartarughe, delfini e squali.

La Grande Barriera Corallina può essere vista dallo spazio ed è la più grande struttura singola del mondo fatta da organismi viventi. Questa struttura di barriera è composta e costituita da miliardi di piccoli organismi, noti come polipi di corallo. Supporta un’ampia varietà di vita ed è stata selezionata come sito del patrimonio mondiale nel 1981.

La CNN l’etichettò come una delle sette meraviglie naturali del mondo. Il Queensland National Trust l’ha definita un’icona di stato del Queensland. Una grande parte della barriera è protetta dal Parco marino della Grande Barriera Corallina, che aiuta a limitare l’impatto dell’uso umano, come la pesca e il turismo. Altre pressioni ambientali sulla barriera corallina e il suo ecosistema includono il deflusso, il cambiamento climatico accompagnato dallo sbiancamento dei coralli di massa e le epidemie cicliche della stella marina della corona di spine.

Secondo uno studio pubblicato nell’ottobre 2012 dagli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze, la barriera corallina ha perso più della metà della sua copertura corallina dal 1985. La Grande Barriera Corallina è stata a lungo conosciuta e utilizzata dagli aborigeni australiani e dai popoli dello Stretto di Torres, ed è una parte importante della cultura e della spiritualità dei gruppi locali. La barriera corallina è una destinazione molto popolare per i turisti, specialmente nelle regioni di Whitsunday Islands e Cairns. Il turismo è un’importante attività economica per la regione, generando oltre 3 miliardi di dollari all’anno.

Nel novembre 2014, Google ha lanciato Google Underwater Street View in 3D della Grande Barriera Corallina. Un rapporto del marzo 2016 affermava che lo sbiancamento dei coralli era più diffuso di quanto si pensasse, interessando seriamente le parti settentrionali della barriera corallina come risultato del riscaldamento delle temperature oceaniche. Nell’ottobre 2016, Outside ha pubblicato un necrologio per la barriera corallina, l’articolo è stato criticato per essere prematuro e ostacolare gli sforzi per rafforzare la resilienza della barriera corallina.

Nel marzo 2017, la rivista Nature ha pubblicato un articolo che mostrava che enormi tratti di un tratto di 800 chilometri nella parte settentrionale del reef erano morti nel corso del 2016 a causa delle alte temperature dell’acqua, un evento che gli autori hanno messo fino agli effetti del cambiamento climatico globale.